Arias
Duos...
Óperas
Cantatas
Compositoras
Switch to English

Trio: Signore cose quel stupore

Compositor: Mozart Wolfgang Amadeus

Ópera: Le nozze di Figaro

Papel: Rosina (Soprano)

Papel: Susanna (Soprano)

Desculpe, mas ainda não temos partituras separadas para esta parte, mas você pode baixar a partitura completa desta ópera e encontrar manualmente o que está procurando.

Partituras

"Le nozze di Figaro" PDF 4Mb "Le nozze di Figaro" PDF 4Mb "Le nozze di Figaro" PDF 5Mb "Le nozze di Figaro" PDF 7Mb "Le nozze di Figaro" PDF 12Mb "Le nozze di Figaro" PDF 13Mb "Le nozze di Figaro" PDF 13Mb "Le nozze di Figaro" PDF 18Mb "Le nozze di Figaro" PDF 18Mb "Le nozze di Figaro" PDF 21Mb "Le nozze di Figaro" PDF 25Mb "Le nozze di Figaro" PDF 63Mb

Partituras para orquestra

"Le nozze di Figaro" PDF 7Mb "Le nozze di Figaro" PDF 9Mb "Le nozze di Figaro" PDF 27Mb "Le nozze di Figaro" PDF 38Mb "Le nozze di Figaro" PDF 40Mb "Le nozze di Figaro" PDF 41Mb "Le nozze di Figaro" PDF 51Mb "Le nozze di Figaro" PDF 52Mb

I suddetti e Susanna

Il Conte apre il gabinetto e Susanna esce sulla porta, ed ivi si ferma.

IL CONTE
Susanna!

LA CONTESSA
Susanna!

SUSANNA
Signore,
cos'è quel stupore?
Il brando prendete,
il paggio uccidete,
quel paggio malnato,
vedetelo qua.

IL CONTE
(Che scola! La testa
girando mi va.)

LA CONTESSA
(Che storia è mai questa,
Susanna v'è là.)

SUSANNA
(Confusa han la testa,
non san come va.)

IL CONTE
Sei sola?

SUSANNA
Guardate,
qui ascoso sarà.

IL CONTE
Guardiamo, qui ascoso sarà.

entra nel gabinetto


SCENA VIII
Susanna, la Contessa e poi il Conte

LA CONTESSA
Susanna, son morta,
il fiato mi manca.

SUSANNA
addita alla Contessa la finestra onde è saltato Cherubino
Più lieta, più franca,
in salvo è di già.

IL CONTE
esce dal gabinetto
Che sbaglio mai presi!
Appena lo credo;
se a torto v'offesi
perdono vi chiedo;
ma far burla simile
è poi crudeltà.

LA CONTESSA e SUSANNA
Le vostre follie
non mertan pietà.

IL CONTE
Io v'amo.

LA CONTESSA
Nol dite!

IL CONTE
Vel giuro.

IL CONTE
Mentite.
Son l'empia, l'infida
che ognora v'inganna.

IL CONTE
Quell'ira, Susanna,
m'aita a calmar.

SUSANNA
Così si condanna
chi può sospettar.

LA CONTESSA
Adunque la fede
d'un'anima amante
sì fiera mercede
doveva sperar?

SUSANNA
Signora!

IL CONTE
Rosina!

LA CONTESSA
al Conte
Crudele!
Più quella non sono;
ma il misero oggetto
del vostro abbandono
che avete diletto
di far disperar.

IL CONTE
Confuso, pentito,
son troppo punito,
abbiate pietà.

SUSANNA
Confuso, pentito,
è troppo punito,
abbiate pietà.

LA CONTESSA
Soffrir sì gran torto
quest'alma non sa.

IL CONTE
Ma il paggio rinchiuso?

LA CONTESSA
Fu sol per provarvi.

IL CONTE
Ma i tremiti, i palpiti?

LA CONTESSA
Fu sol per burlarvi.

IL CONTE
Ma un foglio sì barbaro?

LA CONTESSA e SUSANNA
Di Figaro è il foglio,
e a voi per Basilio.

IL CONTE
Ah perfidi! Io voglio...

LA CONTESSA e SUSANNA
Perdono non merta
chi agli altri nol da.

IL CONTE
Ebben, se vi piace
comune è la pace;
Rosina inflessibile
con me non sarà.

LA CONTESSA
Ah quanto, Susanna,
son dolce di core!
Di donne al furore
chi più crederà?

SUSANNA
Cogl'uomin, signora,
girate, volgete,
vedrete che ognora
si cade poi là.

IL CONTE
Guardatemi...

LA CONTESSA
Ingrato!

IL CONTE
Ho torto, e mi pento.

LA CONTESSA, SUSANNA ed IL CONTE
Da questo momento
quest'alma a conoscermi/conoscerla/conoscervi
apprender potrà.