Arias
Duos...
Óperas
Cantatas
Compositoras
Switch to English

Quarteto: Del piacer s'avanza l'ora!

Compositor: Verdi Giuseppe

Ópera: Les vêpres siciliennes

Papel: Elena (Soprano)

Papel: Danieli (Tenor)

Desculpe, mas ainda não temos partituras separadas para esta parte, mas você pode baixar a partitura completa desta ópera e encontrar manualmente o que está procurando.

Partituras para orquestra

"Les vêpres siciliennes" PDF 9Mb "Les vêpres siciliennes" PDF 11Mb "Les vêpres siciliennes" PDF 12Mb "Les vêpres siciliennes" PDF 15Mb "Les vêpres siciliennes" PDF 22Mb "Les vêpres siciliennes" PDF 69Mb

In mezzo alle grida tumultuose che s'innalzano, una musica graziosa ed allegra si fa sentire. I Siciliani corrono sulla sponda del mare e veggono avanzarsi una barca splendidamente adorna che costeggia la riva. Vaudemont, Ufficiali francesi, nobili Dame francesi e siciliane elegantemente abbigliate, siedono in essa. I battellieri indossano ricche livree. Dame adagiate su molli cuscini, alcune tengono alle mani chitarre, altre piglian rinfreschi, ecc.

CORO
Del piacer s'avanza l'ora!
Colle Grazie del tuo cielo,
Dio d'amor, deh! scendi ancora
A far lieti i nostri dì!
Gaia in viso e senza velo,
Qua' la vaga Citerea,
Vieni a me, verace dea,
Fresco è il vento e imbruna il dì!

PROCIDA
Portati in sen di così ricca prora,
Ove si recan?

ELENA
Alla reggia, a festa!

PROCIDA
Ci adduca la vendetta
Sull'orme loro!

ELENA
E come?

PROCIDA
Sotto larva fedele
Ignoto io mi terrò: qual folgor ratto
Piomberò sul tiranno,
Tra le festose genti,
Che voto al mio furore!

DANIELI
a mezza voce e tremante
E spade avran!

PROCIDA
a mezza voce
E noi pugnali e core!

CORO
allegro e brillante sulla barca
Del piacer s'avanza l'ora!
Colle Grazie dal tuo cielo,
Dio d'amor, deh! scendi ancora
A far lieti i nostri dì!
Gaia in viso e senza velo,
Qual la vaga Citerea,
Vieni a me, verace Dea,
Fresco è il vento e imbruna il dì!

DANIELI, SICILIANI
a voce bassa
Troppo ormai - favellò - il dolor -nel mio sen! -
Su corriam! - l'onta ria - vendicar -ci convien -
Agli acciar - va la man; - sento già -nel mio cor -.
D'un lion - più fatal - ribollir - il furor. -

PROCiDA, ELENA, MANFREDO
Troppo ormai - favellò - il dolor - nel lor sen! -
L'onta ria - che patir - vendicar - or convien -
Agli acciar - corron già; - poté omai - nel lor cor -
D'un lion - più fatal - ribollir - il furor. -

La barca continua la sua marcia, mentre Procida, Elena, Manfredo, Danieli e i Siciliani stanno in gruppi a sinistra del teatro.
Cala la tela.